Questa crisi è guidata dai profitti in eccesso, non dai salari.

Agisci ora e firma la petizione della CES per adottare questo piano in sei punti

I salari non sono la causa dell'inflazione. I lavoratori sono le vittime di questa crisi, con il valore dei loro salari in calo mentre i prezzi dei beni di uso quotidiano aumentano. Ciò sta aumentando le disuguaglianze esistenti, con i lavoratori a basso reddito e le persone vulnerabili colpite più duramente.

I datori di lavoro, i governi e l'UE hanno tutti la responsabilità di adottare misure urgenti per affrontare la crisi del costo della vita garantendo aumenti salariali, sostegno di emergenza per le famiglie in difficoltà, un tetto ai prezzi, la tassazione e la ridistribuzione dei profitti e della ricchezza in eccesso.

Ecco perché i lavoratori ei loro sindacati in tutta Europa chiedono un piano in sei punti per affrontare la crisi del costo della vita e costruire un'economia che offra vantaggi ai lavoratori.

 

 

EFFAT si unisce alla CES chiedendo:

  1. Aumenti salariali per far fronte all'aumento del costo della vita e garantire ai lavoratori una quota equa di guadagni di produttività, nonché misure per promuovere la contrattazione collettiva come il modo migliore per ottenere una retribuzione equa e un'economia sostenibile.
  2. Pagamenti mirati per le persone che lottano per permettersi le bollette energetiche, mettere il cibo in tavola e pagare l'affitto; il diritto al cibo e a una casa calda sono diritti umani e devono essere tutelati. Non ci si può aspettare che le persone in povertà paghino conti insostenibili. Ci deve essere un divieto di disconnessioni.
  3. Tassi di prezzo in particolare sul costo delle bollette energetiche e una tassa stagna sui profitti eccessivi di energia e altre società per garantire che non siano autorizzate a speculare su questa crisi, insieme ad altre misure per fermare il profitto, come il contenimento dei dividendi, e per prevenire la speculazione sui prezzi dei generi alimentari.
  4. Misure di sostegno anticrisi nazionali ed europee per proteggere i redditi e i posti di lavoro nell'industria, nei servizi e nel settore pubblico, comprese le misure di tipo SURE per proteggere i posti di lavoro, i redditi e per finanziare le misure sociali per far fronte a questa crisi e ai processi di transizione giusta.
  5. Riformare il funzionamento del mercato dell'energia dell'UE. Riconoscere che l'energia è un bene pubblico e investire per affrontare le cause profonde della crisi, come il sottoinvestimento nell'energia verde e le conseguenze della privatizzazione.
  6. Un posto al tavolo dei sindacati per progettare e realizzare misure anticrisi attraverso il dialogo sociale. Questo è il metodo collaudato per gestire con successo la crisi.

I governi e l'UE non possono resistere a questa crisi. Il prezzo dell'inazione o dell'adozione di una risposta sbagliata, come aumenti dei tassi di interesse, congelamento delle retribuzioni o ritorno all'agenda fallita dell'austerità, sarà catastrofico.

Materiale da scaricare:

Fotografie:

Foto dell'azione sindacale e dell'incontro al Parlamento europeo a Strasburgo - Video dell'incontro con i MEPS

Foto di azioni sindacali in tutta Europa

Piano a 6 punti 

Piano a 6 punti (versione DE)
Piano a 6 punti (versione EN)
Piano a 6 punti (versione ES)
Piano a 6 punti (versione IT)
Piano a 6 punti (versione NL)
Piano a 6 punti (versione PL)
Piano a 6 punti (versione PT)

 

Calendario
Calendario AGGIORNATO delle azioni sindacali

Seguici su

Leggi la nostra ultima newsletter

Responsabile Campagne


Eventi