EFFAT è #CallingEU: cinque appelli per un'Europa più giusta per i lavoratori

In vista delle prossime elezioni europee, l'EFFAT lancia #CallingEU, cinque richieste per un nuovo mandato dell'UE che dia priorità alla protezione e al benessere dei lavoratori.

Mentre l'Europa si trova di fronte alla scelta tra abbracciare un'ambiziosa agenda sociale e inclusiva o virare verso l'estremismo e l'austerità, EFFAT è risoluta: immaginiamo che la prossima UE sia governata da forze democratiche impegnate per la salute del pianeta, l'equità economica e i diritti sociali.

L'ultimo mandato dell'UE è stato caratterizzato da una serie di crisi profonde, le cui conseguenze hanno messo in ginocchio i lavoratori dei settori EFFAT. La pandemia di Covid-19, i conflitti militari, gli eventi meteorologici estremi e la crisi del costo della vita hanno lasciato un segno profondo sui mezzi di sussistenza e sulle condizioni dei lavoratori.

Rappresentando i lavoratori nei settori agricolo, alimentare, dell'ospitalità e del lavoro domestico, l'EFFAT lancia cinque richieste per un nuovo mandato dell'UE impegnato nella parità di trattamento, nella giustizia sociale e climatica e nella solidarietà.

Con #CallingEU EFFAT propone:

  1.  Un appello per una direttiva UE sugli intermediari del lavoro e condizioni di lavoro eque nelle catene di subappalto: L'EFFAT chiede l'attuazione di una direttiva UE che regola gli intermediari del lavoro, stabilisce condizioni di lavoro eque nelle catene di subappalto e rafforza la frequenza e l'efficacia delle ispezioni del lavoro. Questa misura mira a garantire la parità di trattamento a milioni di lavoratori nei settori EFFAT.
  2. Un appello per una transizione giusta che offre ai lavoratori: Il cambiamento climatico rappresenta una minaccia per la sicurezza e le condizioni di lavoro. L'EFFAT vuole che la transizione verde sia un'opportunità per i lavoratori nei nostri settori piuttosto che un'ulteriore minaccia. Un’opportunità per creare nuovi e migliori posti di lavoro con un’occupazione stabile, una retribuzione giusta e buone condizioni di lavoro.
  3. Un appello per una politica agricola comune più giusta: Sebbene il raggiungimento della condizionalità sociale abbia segnato un incredibile successo per i lavoratori agricoli in Europa, la PAC è ancora lontana dall’essere una politica giusta ed equilibrata. Essa continua a favorire principalmente i grandi proprietari terrieri a scapito dei piccoli agricoltori e dei lavoratori agricoli. L'EFFAT ritiene che la dimensione sociale della PAC dovrebbe essere ulteriormente rafforzata in concomitanza con la prossima riforma della PAC nel 2027.
  4. Un appello per sistemi alimentari e di ospitalità sostenibili nell’UE: Un sistema alimentare sostenibile che garantisca la sicurezza alimentare globale, l’accessibilità economica e la sostenibilità ambientale e sociale può essere raggiunto solo affrontando questioni sistemiche di lunga data che colpiscono gli attori vulnerabili della catena alimentare, come la concentrazione del potere, la speculazione sui mercati delle materie prime alimentari e un sistema insostenibile. approccio agli accordi commerciali.
  5. Un appello alla dignità per i lavoratori domestici in Europa: L'EFFAT richiede fortemente che l'UE si assuma le proprie responsabilità e adotti iniziative chiare per proteggere i quasi 10 milioni di lavoratori domestici in Europa (vedi le nostre richieste qui). Sebbene svolgano un ruolo cruciale, molti lavoratori domestici in Europa non sono ancora riconosciuti e continuano a essere tra i lavoratori più vulnerabili, sottovalutati e sottopagati in Europa.

Kristjan Bragason, segretario generale dell'EFFAT, ha commentato il lancio e ha dichiarato:
'#CallingEU è il nostro campanello d’allarme per l’istituzione in vista delle imminenti elezioni cruciali dell’UE. Le nostre richieste spiegano perché queste cinque questioni sono importanti, perché l’UE deve affrontarle e quali cambiamenti politici sono necessari per realizzare un’Europa migliore per i lavoratori. È un orizzonte politico che finalmente fa la differenza per i lavoratori nell’UE”

Oltre a queste cinque richieste, l'EFFAT sostiene e sostiene pienamente i dodici punti evidenziati dal Manifesto dei lavoratori della CES, Offrire un accordo equo ai lavoratori.

Visita #CallingEU Sito web per scoprire il nostro Manifesto e le nostre rivendicazioni

Seguici su

Leggi la nostra ultima newsletter

Responsabile Campagne


Eventi

Congresso 2019