#MeatTheStandards: i sindacati in Europa si alleano per dare dignità ai lavoratori della carne

Vienna, 13 giugno 2022 : Oggi vengono lanciati EFFAT e IUF #CarneGliStandard:  Un'iniziativa a livello europeo per sensibilizzare sull'urgenza di un settore della carne più equo in Europa attraverso: 

  • iAumentare l'adesione sindacale e la rappresentanza sul posto di lavoro nel settore 
  • migliorare le condizioni salariali e di lavoro attraverso la contrattazione collettiva 
  • che abilita voce dei lavoratori della carne nel dibattito politico. 

Il settore della carne è un'industria incredibilmente redditizia: con un fatturato di cento miliardi di euro e una presenza di 32000 aziende, impiega circa 1 milione di dipendenti, di cui solo una piccolissima parte è impiegata direttamente. 

Tuttavia, il settore è tristemente rinomato per le sue deplorevoli condizioni di lavoro e di vita: alloggi sovraffollati, mancanza di copertura previdenziale, precarietà del lavoro, orari di lavoro lunghi e non registrati, salari bassi e standard di salute e sicurezza sono solo alcune delle difficoltà che molti lavoratori della carne devono affrontare Attraverso l'Europa. 

Tale terribile realtà è la conseguenza di un modello che si è sviluppato attraverso pratiche commerciali e modalità di lavoro volte a ridurre i costi e ad eludere la responsabilità del datore di lavoro come il subappalto abusivo, il lavoro autonomo fittizio o l'uso fraudolento del lavoro tramite agenzia interinale. Il Covid-19 ha esacerbato molti di questi problemi, portando all'infezione di quasi 30,000 lavoratori delle fabbriche di carne negli Stati Uniti e in Europa. 

L'EFFAT e la sua federazione sindacale globale IUF ora uniscono le forze per chiedere una seria riforma del settore che dia dignità ai lavoratori della carne innalzando i loro standard di lavoro e aumentando il loro potere sindacale. 

Kristjan Bragason, segretario generale dell'EFFAT, ha dichiarato: 'Con #CarneGliStandard, tutte le affiliate europee si stanno unendo con la stessa urgenza: aggiustare il settore della carne a livello europeo attraverso una visione a lungo termine che sostenga iniziative legislative vincolanti, diritti di contrattazione collettiva più forti e pieno coinvolgimento delle parti sociali a livello nazionale ed europeo.'  

Sue Longley, Segretario generale dell'UITA, ha dichiarato: 'Lo sfruttamento dei lavoratori nel settore della carne si estende oltre l'Europa e la lotta per salari migliori e standard accettabili è globale. Gli alti livelli di infezione da Covid-19 che erano prevalenti nel confezionamento della carne del Nord America, hanno portato a una campagna di successo da parte della United Food and Commercial Workers Union (UFCW) per aumentare i salari e migliorare gli standard di sicurezza. In Brasile, i sindacati hanno unito le forze per combattere le proposte del Ministero del Lavoro di ritirare o modificare la legislazione in materia di salute e sicurezza nel settore della carne'.  

Freddy Adjan, (Vicepresidente NGG, Germania siad: 'NGG ha condotto una lotta instancabile per raggiungere la corrente Arbeitsschutzkontrollgesetz che vieta il subappalto e limita il ricorso al lavoro interinale. Grazie alla nostra lotta e azioni sindacali nel 2021, NGG ha concluso un nuovo a livello nazionale contratto collettivo su salario minimo settoriale. Negoziati con i datori di lavoro organizzazioni all'indirizzo better condizioni di lavoro Iniziato in 2022. Ma la lotta non può finire finché una risposta veramente coordinata dall'UE non affronterà il dumping sociale e le piaghe del settore in tutta Europa'. 

Ole Whelast (NNF, Danimarca), Presidente di EFFAT Food, ha dichiarato: 'In Danimarca tutti i lavoratori della carne sono coperti da accordi collettivi di contrattazione e il livello di adesione ai sindacati è molto alto. Tuttavia, abbiamo sempre dovuto far fronte alla concorrenza sleale e alla perdita di posti di lavoro derivanti dalle difficili condizioni in altri paesi europei. Ecco perché ci uniamo a EFFAT e IUF nella lotta per un settore della carne più equo. Perché è nell'interesse di tutti i lavoratori europei della carne». 

José Aranda Garrigós (CCOO de Industria, Spagna) e Sebastian Serena (UGT FICA, Spagna) concordano: 'I sindacati hanno raggiunto risultati notevoli negli ultimi anni, contribuendo all'approvazione della nuova riforma nazionale del lavoro. Il nuovo regolamento pone fine alla pratica dell'orario di lavoro irregolare ed eccessivamente lungo nel settore spagnolo delle carni e limita la giornata lavorativa a un massimo di 9 ore ordinarie di lavoro effettivo. Tuttavia, il settore rimane particolarmente fragile e la lotta per condizioni più eque per i lavoratori della carne non può fermarsi ora.' 

Greg Ennis, (SIPTU, Irlanda) ha dichiarato: In Irlanda abbiamo assicurato che la campagna per protocolli di lavoro più sicuri e la necessità di un'indennità di malattia professionale obbligatoria fosse realizzata attraverso un accordo sul protocollo nazionale di sicurezza tra SIPTU e Meat Industry Ireland (MII) e l'emanazione di legislazione del settembre 2022 sull'indennità di malattia professionale».

Il settore pone giustamente un livello così alto quando si tratta di benessere degli animali o rispetto dell'ambiente. Dovrebbe essere lo stesso quando si tratta di garantire diritti fondamentali e condizioni di lavoro eque ai dipendenti.  

EFFAT realizzerà la campagna basandosi sulla difesa di lunga data lavoro sollecitando la legalità Iniziative dell'UE per affrontare le piaghe di lunga data del settore della carne in Europa. 

 ENDS  

Per maggiori informazioni: www.effat.org
10 richieste per un settore della carne più equo in Europa
Seguire: #CarneGliStandard 

 

Seguici su

Leggi la nostra ultima newsletter

Responsabile Campagne


Eventi